Posted by: savdevito | December 3, 2012

Finalmente i pinguini!

Cari bimbi,

finalmente a grande richiesta eccovi i pinguini…i pinguini di Adelia.

Per mostrarveli e naturalmente per vederli anche io, insieme a 5 colleghi siamoandati ad Adelie Cove a circa 7-8 km dalla base. Si sale per Enigma lake, il lago ghiacciato di ghiaccio azzurro, e poi si continua dritto sul ghiacchiaio denominato Boulder Clay. Al termine, il ghiacciaio si trasforma in una vera e propria cascata di ghiaccio, ad altri sembra un onda ma è pur sempre uno spettacolo magnifico.

Proprio dietro l’ ultima onda, mentre ci sganciamo dal ghiacciao e scendiamo sulla roccia nuda di adelie cove, li scorgiamo. Una magnifica colonia di pinguini di adelia. Perchè si chiamano così? Forse per lo stesso motivo perchè questa piccola baia si chiama Adelie Cove, Adelie era il nome della moglie del capitano Dumont D’ Urville che per primo vi giunse con la sua nave, e lui gliela dedicò. A lui invece hanno intitolato la base  francese posta… vabbè poi ve la faccio vedere sulla cartina, qui l’ oientamento di fa eramente difficile. Sud è sud, è verso il polo, nord è verso il mare ma est e ovest con questo sole che non tramonta mai non li prendi quasi mai. Vabbè a ben pensarci è sicuramente a est della nostra base. I pinguini di Adelia sono piccoli, non più alti di 40 cm e li ho trovati intenti alla cova. Erano migliaia. Ognuno aveva il suo ovetto da covare, con la mamma pinguin e il papà pinguino che si alternano nella cova, nella difesa del (piccolo) territorio, sarebbe meglio dire piazzola e la pappa. Si cibano di pesci e piccoli crostacei antartici ma per giungere al mare devono percorrere quasi un km di pack, lo fanno tutti in fila con la loro classica andatura. COn gli occhi cerchiati di azzurro mamma pinguino mi osserva e poi mi mostra il suo uovo mentre la fotografo… bellissima foto! Comunque ci sono sempre gli onnipresenti skua che stanno un pò in agguato in cerca di uova incustodite, un pò iniziano a fare il nido anche loro. La mia collega non ne ha visto uno ben mimetizzato e si è avvicinata troppo alla femmina che covava. Lei ha subito richiamato l’ attenzione del maschio che ha cominciato a planare e picchiare sopra di noi, per scacciarci, noi l’ abbiamo accontentato subito.

Al termine della passeggiata domenicale siamo tornati in base sotto un sole terribile, non che facesse caldo ma si avverte che l’ atmosfera rarefatta non filtra bene gli UV ed alcuni di noi nonostante la crema si sono arrossati il naso.

Ora vi saluto e vi invio le mie foto pinguine,

Saverio

 

pingui2red

 

 

pinguired

pinguireduovo

 

 

Advertisements

Responses

  1. ciao Saverio, come va? Sono proprio belli i pinguini.

    Ormai ti sei ambientato vedo … sicuramente è un’esperienza bellissima e unica.
    Kiss kiss

  2. come dice il mio amico Citarella: non gioire non è lo Juventus club!

  3. Foto Bellissime!

  4. divulgazione della missione in antartide dell’enea
    http://webtv.sede.enea.it/index.php?page=listafilmcat2&idfilm=707&idcat=31

  5. Grande coach Saverio, seguiro’ la tua bellissima avventura su qusto Blog (grande idea)…. in bocca al lupo e mi raccomnando scatta piu’ foto che puoi!!! un abbraccio Fabio Morelli


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Categories

%d bloggers like this: